Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti per il suo normale funzionamento, per elaborazioni statistiche e controllo di qualità e per fornire le funzionalità di condivisione facoltativa sui social network. Si rende noto che se usi le funzioni che interagiscono con i social network, questi potrebbero tracciare la tua navigazione con i loro cookies. Per avere maggiori informazioni su tutti i cookie utilizzati dal sito VEG_GAP e su come disabilitarli leggi l'informativa.


Reinvio email di conferma
Ho dimenticato la password
banner banner
Una nuova città, “verde e intelligente”: ecco il futuristico progetto per Cancun 
"Un ecosistema urbano in cui natura e città si intrecciano e agiscono come un unico organismo". È l’idea a fondamento della “Smart Forest City”, un enorme giardino botanico all'interno di una città contemporanea, che immagina un futuro migliore per le metropoli del mondo. 

È Cancun, in Messico, il prototipo di questa metropoli “verde e intelligente”, ideata dalla Stefano Boeri Architetti. Il progetto, realizzato in collaborazione con Grupo Karim’s, società specializzata nel settore immobiliare, sarà realizzato in un’area che in passato era stata destinata ad un centro commerciale a sud della città messicana, a poca distanza dall’aeroporto, e occuperà una superficie di 557 ettari. 

In sostanza, la “Smart Forest City” si configurerà come la prima “città foresta” del nuovo millennio, con l’obiettivo di allestire 400 ettari di superfice verde con 7.500.000 esemplari tra piante ed alberi, circa 2.3 alberi per ciascun abitante. Si prevede che la metropoli sarà in grado di assorbire 116.000 tonnellate all’anno di anidride carbonica. 

“Un giardino botanico, all'interno di una città contemporanea, basato sull'eredità Maya e nei suoi rapporti con il mondo naturale e sacro”, sottolinea Boeri . La progettazione degli spazi prevede l’alternanza tra le superfici costruite e quelle naturali, grazie appunto alla realizzazione di grandi parchi, tetti giardino e facciate verdi. Una “città aperta” e internazionale ispirata ai valori dell’innovazione tecnologica e della qualità ambientale che vede un suo sviluppo anche nella ricerca scientifica. La città sarà un polo d’interesse globale dove si insedieranno dipartimenti universitari, organizzazioni, laboratori e aziende che si stanno interessando dei temi legati al futuro del pianeta. Al suo interno nasceranno anche centri di ricerca e sviluppo destinati a studenti e ricercatori provenienti da tutto il mondo. 

La “Smart Forest City” è stata pensata per essere un insediamento autosufficiente dal punto di vista sia energetico che dell’alimentazione. L’economia circolare sarà favorita dalla presenza di pannelli solari e i terreni agricoli verranno irrigati da un sistema idrico che circonderà l’intero appezzamento. Del tutto particolare sarà anche il sistema di mobilità interna, elettrica e semiautomatica. Residenti e visitatori lasceranno ai confini della città ogni veicolo a combustione. La “Smart Forest City” avrà la capacità di ospitare 130.000 abitanti. Il “concept plan” è stato presentato alle istituzioni la scorsa primavera, ed è in attesa di approvazione. Il progetto fa parte di un'ondata di nuove “città intelligenti” proposte per aree in tutto il Nord America.

Data: Monday 04-11-2019 15:08
Progetto VEG-GAP - LIFE18 PRE IT 003
Durata: Dicembre 2018 - Dicembre 2021
Budget Totale: 1,666,667 Euro
Contributo finanziario europeo: 1,000,000 Euro
Coordinato da Mihaela Mircea, ENEA (IT)