Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti per il suo normale funzionamento, per elaborazioni statistiche e controllo di qualità e per fornire le funzionalità di condivisione facoltativa sui social network. Si rende noto che se usi le funzioni che interagiscono con i social network, questi potrebbero tracciare la tua navigazione con i loro cookies. Per avere maggiori informazioni su tutti i cookie utilizzati dal sito VEG_GAP e su come disabilitarli leggi l'informativa.


Reinvio email di conferma
Ho dimenticato la password
banner banner
Dal Recovery Fund 2,5 miliardi per le foreste urbane italiane

Le risorse messe a disposizione dell'Italia dall'Europa con il Recovery Fund (207 miliardi di euro) serviranno anche a rendere più verdi le nostre città. Il Ministero dell'Ambiente ha deciso quali saranno i nove progetti strategici per il nostro Paese su cui verranno investiti complessivamente 12,3 miliardi del fondo stanziato dalla UE per rilanciare e stimolare l'economia dopo la crisi provocata dalla pandemia del Covid-19. Tra questi (al secondo posto, come entità di finanziamento, tra quelli in capo al Ministero) c'è il progetto "Foreste urbane resilienti per il benessere dei cittadini", a cui saranno destinati 2,5 miliardi di euro e che prevede una serie di azioni rivolte alle 14 città metropolitane. Il progetto, sviluppato dal Comitato per lo Sviluppo del Verde Pubblico istituito presso il Ministero dell’Ambiente, svilupperà la Strategia Nazionale del Verde Urbano. La Strategia  fissa criteri e linee guida per la promozione di foreste urbane e periurbane coerenti con le caratteristiche ambientali, storico-culturali e paesaggistiche dei luoghi. Essa si basa su tre elementi essenziali:

passare da metri quadrati a ettari

 ridurre le superfici asfaltate

- adottare le foreste urbane come riferimento strutturale e funzionale del verde urbano.

La foresta urbana include tutti gli aspetti del verde urbano quali lembi di bosco, viali alberati, grandi parchi, orti urbani, giardini, ville storiche, verde di quartiere, e verde architettonico compreso il bosco verticale e i tetti verdi.

“La Strategia Nazionale – sottolineano gli esperti che hanno realizzato il documento - prevede inoltre il coinvolgimento degli stakeholder e di competenze necessariamente multidisciplinari per sviluppare idonee policy pubbliche e indirizzare le amministrazioni comunali verso la realizzazione di piani e progetti basati sui servizi ecosistemici e sulla rete di Infrastrutture Verdi (green infrastructures, nature based solutions), definiti per raggiungere precisi obiettivi di ordine sociale, ambientale, finanziario e occupazionale”.

Sembrano così avere risposta i tanti ambientalisti preoccupati per la valorizzazione del verde urbano nelle fasi post emergenza Covid. Numerose associazioni avevano infatti sottoscritto il Manifesto per la difesa del verde in ambito urbano in Italia nel dopo Covid-19 lanciando un appello alle massime cariche dello Stato.
Data: Thursday 08-10-2020 11:21
Progetto VEG-GAP - LIFE18 PRE IT 003
Durata: Dicembre 2018 - Dicembre 2021
Budget Totale: 1,666,667 Euro
Contributo finanziario europeo: 1,000,000 Euro
Coordinato da Mihaela Mircea, ENEA (IT)