Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti per il suo normale funzionamento, per elaborazioni statistiche e controllo di qualità e per fornire le funzionalità di condivisione facoltativa sui social network. Si rende noto che se usi le funzioni che interagiscono con i social network, questi potrebbero tracciare la tua navigazione con i loro cookies. Per avere maggiori informazioni su tutti i cookie utilizzati dal sito VEG_GAP e su come disabilitarli leggi l'informativa.


Reinvio email di conferma
Ho dimenticato la password
banner banner
Madrid fa il punto su VEG-GAP, grande partecipazione al primo workshop di progetto

Il 3 dicembre scorso si è tenuto a Madrid, presso il centro di educazione ambientale “El Huerto del Retiro”, il primo workshop VEG-GAP nella capitale spagnola, la cui Municipalità è tra i partner istituzionali del progetto europeo. Come avvenuto anche per il workshop di ottobre a Bologna, l’incontro è stato l’occasione per presentare a livello locale le azioni previste dal  progetto europeo LIFE VEG-GAP "Vegetazione per piani verdi di qualità dell'aria in aree urbane" e per esplorare la relazione tra il progetto e le attuali strategie ambientali locali relative alla qualità dell'aria, alle infrastrutture verdi e all'adattamento di Madrid ai cambiamenti climatici. 

Inoltre l’obiettivo del workshop è stato conoscere altri progetti di ricerca sulla vegetazione urbana e proseguire nella definizione dello scenario di simulazione sulla modellizzazione dell'impatto della vegetazione urbana sull'inquinamento atmosferico, in particolare sulla concentrazione di NO2, PM e O3, nonché sulla temperatura dell'aria, tenendo conto dei rischi e dei benefici per la salute umana e la vegetazione stessa.

La presentazione generale di VEG-GAP è stata svolta da Rafael Borge, insegnante del dipartimento di ingegneria chimica e ambientale presso ETSI (Escuela Técnica Superior de Ingenieros Industriales – UPM). Borge ha sottolineato come sia necessario impostare una scala di lavoro adatta a una grande città come Madrid e come il progetto darà l'opportunità di analizzare le diverse NBS (soluzioni basate sulla natura) proposte adattandosi alla specifiche caratteristiche e dimensioni delle città coinvolte.

Il prof. Borge è quindi entrato più nel dettaglio delle attività che sono già quasi completamente realizzate: l’analisi di ciò che è stato fatto e la raccolta dei propri dati a livello locale. Al momento il partner spagnolo sta studiando/simulando l'influenza della vegetazione sulla temperatura e sull’umidità. Si tratterà poi di condividere tra i partner li risultati e le informazioni acquisiti e quindi disseminarle, anche presso l’opinione pubblica: la Municipalità di Madrid si occuperà di organizzare nella capitale eventi e giornate dimostrative.  

È poi intervenuto Ángeles Cristóbal  referente sul tema della Sostenibilità per la Municipalità di Madrid, affermando che a Madrid i principali problemi di qualità dell'aria sono dovuti a elevate concentrazioni di NOx e alle violazioni di O3. Ha sottolineato poi che in passato i cambiamenti climatici e la gestione della qualità dell'aria erano affrontati separatamente, tuttavia, attualmente, sono affrontati congiuntamente, non solo nel comune, ma anche a livello accademico nelle università.

Juan Azcárate, referente per Energie e Cambiamento Climatico per il Comune di Madrid, ha parlato del piano A, che raccoglie le strategie sulla qualità dell'aria e sui cambiamenti climatici. Ha spiegato che, per quanto riguarda la diagnosi, si stanno iniziando a utilizzare le stesse fonti e lo stesso inventario sull'analisi delle tendenze. A Madrid nel 2018 sono stati installati 24 sensori di rilevamento per umidità e temperatura, sviluppando una rete climatica urbana che analizzi in profondità, ad esempio, l'effetto “isola urbana”. Per Azcárate il progetto VEG-GAP rappresenta una grande opportunità per lavorare sulla qualità dell'aria, i cambiamenti climatici e le aree verdi, in modo integrato. 

Nuria Bautista, consigliere tecnico della Municipalità di Madrid per la gestione dell’acqua e aree verdi, ha ricordato che è sempre esistita la consapevolezza che vegetazione e qualità dell'aria debbano essere affrontate congiuntamente. Attualmente si stanno sviluppando diverse azioni riguardanti la pianificazione e la gestione della vegetazione urbana, tra cui il rinforzo di infrastrutture e connettività;  la gestione e manutenzione delle aree verdi, tenendo conto della variabile dei cambiamenti climatici. Apprezza il progetto VEG-GAP perché pone l’attenzione anche sulla scelta delle specie vegetali migliori nei differenti contesti.

Per Juan García, dell’associazione ambientalista Ecologistas en Acción, bisogna evitare il rischio di credere che i problemi possano essere risolti solo piantando alberi. Secondo l’ecologista il problema più grande per la qualità dell'aria è la gestione del traffico stradale. Ha sottolineato inoltre che la realtà storica di Madrid è avere strangolato le aree verdi con diversi sviluppi urbani e infrastrutturali. 

Mónica de Blas, referente per la Pianificazione strategica dello sviluppo urbano, ha poi presentato il Metropolitan Forest Project, un "anello verde" che termina e unisce le aree verdi e i parchi regionali attorno a Madrid. L’intenzione è collegare grandi aree verdi (Monte del Pardo, Soto de Viñuelas, Casa de Campo, Arroyo Meaques ...) da nord e ovest a Manzanares, e di fare lo stesso da nord (Valdebebas, Feria de Madrid, Cerro Almodovar ...) fino a raggiungere Manzanares. Si tratterebbe poi di integrare queste aree verdi con la rete del bacino fluviale e le rotte del bestiame. C'è già stata un'analisi della classificazione del suolo per analizzare la sua disponibilità e la sua vocazione. Il progetto prevede un piano a lungo termine dal momento che le azioni sono pianificate per un periodo da 12 a 20 anni. L'obiettivo è iniziare a rendere permeabili le zone verdi dall'area esterna al centro. Monica de Blas sostiene che questi connettori per aree verdi potrebbero essere supportati da infrastrutture o potrebbero essere presi in considerazione come vincoli del progetto quando si progettano nuove infrastrutture civili.

Numerosi partecipanti all’incontro hanno rivolto poi domande o portato il loro contributo alla discussione. 

Rocío Alonso, di CIEMAT (Centro de Investigaciones Energéticas, Medioambientales y Tecnológicas) si è offerta di fornire informazioni sugli studi condotti da CIEMAT per implementarli nel progetto VEG-GAP. Il Centro ha realizzato studi sull'emissione di centinaia di specie, in particolare sul loro livello di allergia e la loro capacità di tollerare l'impatto degli inquinanti nell'ambiente urbano. Alonso ha fatto sapere che CEIMAT dispone di sensori di misurazione installati nel territorio comunale "Palacio Valdés", vicino al Monte del Pardo.

Eva Escobar, referente Qualità dell'aria della Regione di Madrid, ha spiegato il funzionamento del “Blue Plan” come strategia di qualità dell'aria a Madrid, strettamente correlata al progetto ARCOVERDE. Si tratta di un piano di rimboschimento che propone di creare nuovi connettori tra i comuni di Madrid. Ha quindi offerto dati da utilizzare nel progetto VEG-GAP.

È intervenuto poi  Pedro Castaño, del Servizio dei parchi regionali della Regione di Madrid, per raccontare il progetto ARCOVERDE e il suo obiettivo di collegare spazi naturali regionali protetti. Secondo Castaño la rete di rotte di bestiame può essere un grande strumento per la conservazione del patrimonio dei terreni pubblici spagnoli, una possibile futura alternativa verde alla rete del traffico stradale e che consente la mobilità dalle aree periurbane alla città.

Consuelo Garrastazu ed Elena Boldo di Madrid Salud hanno suggerito che VEG-GAP includa dati per migliorare la salute, come ad esempio le specie allergeniche. Ricordano poi che esistono dati che mostrano differenze di aspettativa di vita (fino a 6 anni) tra i comuni nord e sud di Madrid: la spiegazione ricade in molte variabili, principalmente sociali ma anche ambientali da tenere in considerazione.

Anche Luis Tejero, del Dipartimento per i cambiamenti climatici della Municipalità di Madrid, ha sottolineato i risultati degli studi che evidenziano l'incidenza della vegetazione nel mitigare la temperatura durante le ondate di calore.

José Luis Rodríguez Gamo, della società Ferrovial, ha ribadito l'importanza di pianificare progetti su larga scala, integrandoli nei vari piani strategici della città, e ha ricordato il valore del servizio ecosistemico delle aree verdi. Le infrastrutture del passato, secondo Gamo, non sono efficaci per i cambiamenti climatici perché scontano una pianificazione non integrata. Il rappresentante della società ferroviaria, infine, contempla la possibilità e la necessità che le società private sostengano economicamente progetti come VEG-GAP

David de la Paz, del Dipartimento di Ingegneria e  Chimica Industriale dell’Ambiente delll’UPM, ha spiegato che il suo dipartimento sta occupando di l’emissione BVOC, i pollini, l’influenza meteorologica (temperatura, proprietà aerodinamiche ed emissioni), la modellizzazione di 466 specie, il modello di emissione PSEM (modello di emissione specifica per impianto BIOVOC). Per simulare gli effetti meteorologici  vengono analizzate su più scale, poiché ciò che accade nell'area periurbana influenza il clima urbano.

In chiusura del work shop Rafael Borge ha detto che i referenti del progetto per Madrid sono disponibili a  ricevere informazioni da tutti i soggetti interessati e ha proposto la terza settimana di gennaio 2020 come limite per ricevere suggerimenti e informazioni che aiuteranno a definire la simulazione di scenari riguardanti la piantagione di specie, le loro percentuali, come modellare giardini urbani e coperture verdi.

Data: Friday 24-01-2020 10:20
Progetto VEG-GAP - LIFE18 PRE IT 003
Durata: Dicembre 2018 - Dicembre 2021
Budget Totale: 1,666,667 Euro
Contributo finanziario europeo: 1,000,000 Euro
Coordinato da Mihaela Mircea, ENEA (IT)